OncologiaNews.net


News

Carcinoma a cellule squamose del testa-collo: radioterapia associata a Cetuximab

Uno studio ha confrontato la radioterapia associata alla somministrazione di Cetuximab ( Erbitux ) con la sola radioterapia nel trattamento del carcinoma a cellule squamose locoregionale del testa-collo in fase avanzata.

Cetuximab Ť un anticorpo monoclonale contro EGFR ( recettore del fattore di crescita epidermico ).

I pazienti con tumore testa-collo locoregionale in fase avanzata sono stati assegnati in modo random a ricevere radioterapia ad alto dosaggio ( n = 213 ) oppure radioterapia ad alto dosaggio con somministrazione settimanale di Cetuximab ( n = 211 ) alla dose iniziale di 400 mg/mq di superficie corporea e successivamente da 250 mg/mq una volta alla settimana per la durata della radioterapia.

Líendpoint primario era rappresentato dalla durata del controllo della malattia locoregionale, mentre líendpoint secondario comprendeva: sopravvivenza generale, sopravvivenza libera da malattia, percentuale di risposta e di sicurezza.

La durata media del controllo locoregionale Ť stata di 24.4 mesi tra i pazienti trattati con Cetuximab e radioterapia, e 14.9 mesi tra i pazienti sottoposti alla sola radioterapia ( hazard ratio per la progressione locoregionale o la morte: 0.68; p = 0.005 ).

La durata media della sopravvivenza totale, nel corso del periodo osservazionale di 54 mesi, Ť stata di 49 mesi tra i pazienti trattati con la sola terapia combinata e 29.3 mesi tra quelli che hanno ricevuto solamente la radioterapia ( hazard ratio per la morte: 0.74; p = 0.03 ).

Ad eccezione del rash acneiforme e delle reazioni da infusione, líincidenza di effetti tossici di grado 3 o piý, tra cui la mucosite, non era diversa tra i due gruppi.

Lo studio ha dimostrato che il trattamento del tumore testa-collo locoregionale in fase avanzata con radioterapia e Cetuximab migliora il controllo locoregionale e riduce la mortalitŗ senza aumentare i comuni effetti tossici associati alla radioterapia. ( Xagena2006 )

Bonner JA et al, N Engl J Med 2006; 354: 567-578