OncologiaNews.net


News

Carcinoma prostatico localmente avanzato: benefici della deprivazione androgenica prima e durante la radioterapia

La deprivazione androgenica è un trattamento standard nei pazienti con tumore alla prostata disseminato. I Ricercatori dello studio Trans-Tasman Radiation Group 96.01 hanno valutato se la deprivazione androgenica 3 mesi o 6 mesi prima e durante la radioterapia fosse in grado di migliorare l’outcome dei pazienti con carcinoma prostatico localmente avanzato. Allo studio hanno preso parte 818 uomini con tumore alla prostata localmente avanzato; questi pazienti sono stati assegnati in modo casuale a: - nessuna deprivazione androgenica ( solo radioterapia: 66Gy alla prostata e alla vescicole seminali in 33 frazioni da 2 Gy/die nell’arco di 6.5-7 settimane ); - deprivazione androgenica di 3 mesi con Goserelin ( Zoladex ) 3.6mg per via sottocutanea ogni mese e Flutamide ( Eulexin ) per os 3volte/die, con inizio 2 mesi prima della radioterapia; - deprivazione androgenica di 6 mesi con lo stesso regime della deprivazione androgenica di 3 mesi, con la sola variazione dell’inizio del trattamento ( 5 mesi prima della radioterapia ). Gli endpoint primari erano rappresentati dal tempo al fallimento locale, e dalla sopravvivenza tumore-specifica. Gli endpoint secondari, invece, erano: fallimento distante, sopravvivenza libera da malattia, non necessità del trattamento di salvataggio. Le analisi sono state compiute secondo l’intention-to-treat. L’analisi è stata compiuta sul 98% ( n = 802 ) dei pazienti arruolati. Il periodo osservazionale è stato di 5.9 anni. Rispetto ai pazienti non assegnati alla deprivazione androgenica , coloro che sono stati sottoposti a deprivazione per 3 mesi hanno presentato un significativo miglioramento del fallimento locale ( hazard ratio, HR = 0.56; p = 0.001 ), della sopravvivenza libera da fallimento biochimico ( HR = 0.70; p = 0.002 ), della sopravvivenza libera da malattia ( HR = 0.65; p = 0.0001 ) e della non- necessità di trattamento di salvataggio ( HR = 0.73; p = 0.025 ). La deprivazione androgenica per 6 mesi ha migliorato in modo significativo il fallimento locale ( HR = 0.42; p< 0.0001 ), la sopravvivenza libera da fallimento biochimico ( HR = 0.58; p < 0.0001 ), la sopravvivenza libera da malattia ( HR = 0.56; p < 0.0001 ), la non-necessità di trattamento di salvataggio ( HR = 0.53; p < 0.0001 ), il fallimento distante ( HR = 0.67; p = 0.046 ), la sopravvivenza tumore-specifica ( HR = 0.56; p = 0.04 ), rispetto ai pazienti non sottoposti a deprivazione androgenica. I dati dello studio hanno indicato che la deprivazione androgenica effettuata prima e durante radioterapia nei pazienti con carcinoma prostatico avanzato produce miglioramenti in diversi endpoint. ( Xagena2005 )Denham JW et al, Lancet Oncology 2005; 6: 841-850