OncologiaNews.net


News

Votrient nel trattamento del sarcoma dei tessuti molli in fase avanzata, refrattario o recidivante

Data l’importanza dell’angiogenesi nei sarcomi dei tessuti molli, Pazopanib ( Votrient ), un inibitore orale dell’angiogenesi che ha come bersaglio VEGFR ( vascular endothelial growth factor receptor ) e PDGFR ( platelet-derived growth factor receptor ) è stato valutato in pazienti con tale patologia.

Sono risultati idonei ad essere arruolati nello studio i pazienti con sarcomi dei tessuti molli di grado intermedio o alto non-adatti al trattamento chemioterapico o che avevano ricevuto non più di 2 precedenti agenti citotossici per la malattia in stadio avanzato, che avevano una progressione documentata, un performance status adeguato e una buona funzione degli organi.

Pazopanib 800 mg è stato somministrato ogni giorno.

L’end point primario era il tasso libero da progressione a 12 settimane; gli end point secondari erano la risposta, la sicurezza e la sopravvivenza generale.

Sono stati studiati 4 differenti gruppi: sarcomi dei tessuti molli adipocitici ( liposarcomi ), leiomiosarcomi, sarcomi sinoviali e altri tipi di sarcomi dei tessuti molli.

Sono stati arruolati nello studio 142 pazienti.

Il gruppo liposarcomi è stato chiuso dopo il primo stadio, data l’attività insufficiente ( tasso libero da progressione a 12 settimane: 26% ).

Il tasso libero da progressione a 12 settimane è risultato pari al 44% nella coorte leiomiosarcoma, 49% nei sarcomi sinoviali e 39% negli altri tipi di sarcomi dei tessuti molli.

Rispetto ai controlli storici che erano stati trattati con chemioterapia di seconda linea, la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza generale sono risultate prolungate nelle 3 corti nelle quali era stato raggiunto l’endpoint primario.

Le più frequenti tossicità correlate al farmaco sono state: ipertensione, fatigue, ipopigmentazione e nausea.
Altre tossicità hanno incluso innalzamento degli enzimi epatici, mielosoppressione e proteinuria, nella maggior parte dei casi di grado da 1 a 2.
Le tossicità più frequenti di grado da 3 a 4 sono state iperbilirubinemia ( 6.3% ), ipertensione ( 7.7% ) e fatigue ( 7.7% ).

In conclusione, Pazopanib è risultato ben tollerato nei pazienti con sarcomi dei tessuti molli in fase avanzata, recidivanti, e ha mostrato un’interessante attività che merita ulteriori studi in pazienti con leiomiosarcoma, sarcoma sinoviale e altri tipi di sarcomi dei tessuti molli. ( Xagena )

Sleijfer S et al, J Clin Oncol 2009; 27: 3126-3132