OncologiaNews.net


News

Un trattamento precoce con Bexxar può migliorare gli outcome nei pazienti con linfoma non-Hodgkin

Gli outcome di trattamento associati al regime terapeutico Bexxar ( Tositumomab e Tositumomab iodio 131 ) nei pazienti affetti da linfoma non-Hodgkin sono migliorati notevolmente quando il Bexxar è stato somministrato precocemente.Un’analisi di 10 studi clinici ha posto a confronto le risposte al trattamento di 1.177 pazienti sottoposti al regime Bexxar come trattamento di prima, seconda, terza o quarta linea ( o più ).L’età media dei pazienti era di 57 anni, con un numero leggermente superiore di uomini rispetto alle donne ( 54% versus 46% ).Il tempo medio dalla diagnosi del linfoma non-Hodgkin all’inizio del trattamento con Bexxar era di 40 mesi.Nel 90% dei pazienti è stata riscontrata una malattia di grado III/IV, il 47% presentava un diametro del tumore uguale o superiore a 5cm e nel 44% dei casi è stato osservato un tumore nel midollo osseo.Il confronto tra le percentuali di risposta è stato effettuato su 540 pazienti che avevano ricevuto Bexxar dopo almeno 3 precedenti terapie ( quarta linea o più ), 228 pazienti trattati con Bexxar dopo 2 precedenti terapie ( terza linea ), 226 dopo una sola precedente terapia ( seconda linea ) e 141 non trattati precedentemente ( prima linea ).Le differenze nella percentuale di risposta, durata media di risposta, percentuale di risposta completa, durata media di risposta completa e sopravvivenza libera da progressione superiore ad 1 anno sono risultate altamente significative dal punto di vista statistico ( p < 0.001 ).la percentuale di risposta completa con Bexxar come terapia di quarta linea o più è stata del 23%, contro il 46% come terapia di seconda linea.Allo stesso modo la sopravvivenza libera da progressione superiore ad 1 anno è stata del 59% per i pazienti di seconda linea rispetto al 27% di quelli che avevano ricevuto Bexxar come terapia di quarta linea o più.Il regime terapeutico Bexxar è indicato per il trattamento dei pazienti con linfoma non-Hodgkin trasformato, follicolare, a basso grado, recidivante, refrattario, esprimente l’antigene CD20, comprendendo anche pazienti con linfoma non-Hodgkin refrattario al Rituximab.Gli effetti del regime terapeutico con Bexxar sulla sopravvivenza non sono noti.La terapia con Bexxar non è indicata per il trattamento iniziale dei pazienti con linfoma non-Hodgkin positivo per CD20.Il regime con Bexaar prevede un singolo ciclo terapeutico.Non è stata valutata la sicurezza di molteplici cicli di trattamento con Bexxar, la combinazione di tale regime terapeutico con altre forme di irradiazione o di chemioterapia.Il Bexxar associa la capacità di un anticorpo monoclonale ( Tositumomab ) di individuare il bersaglio con l’azione terapeutica della radiazione ( iodio 131 ).Il regime radioimmunoterapeutico Bexxar è in grado di legarsi all’antigene target CD20 che è presente sulle cellule B, comprendendo le cellule normali e quelle tumorali del linfoma non-Hodgkin, permettendo una radiazione mirata.I pazienti in stato di gravidanza o allergici a qualcuno dei componenti del regime terapeutico non dovrebbero assumere Bexxar.Reazioni di ipersensibilità grave, anche con esiti fatali, sono state riscontrate con il regime terapeutico Bexxar.Nella maggioranza dei pazienti il trattamento con Bexxar produce una significativa riduzione della conta ematica ( piastrine, globuli bianchi e globuli rossi ) con grave rischio per la vita, per un esteso periodo di tempo ( circa 1 mese ), ed in alcuni pazienti queste diminuzioni sono perdurate per più di 90 giorni.In metà dei pazienti sono state riscontrate infezioni, sanguinamento in 1 su 8 pazienti, ed, in circa 1 su 4, è stato necessario un intervento di supporto.Altre reazioni meno gravi durante l’infusione o in seguito ad essa comprendono: febbre, brividi, sudore, nausea, abbassamento della pressione sanguigna, fiato corto e difficoltà respiratorie.I pazienti possono manifestare anche debolezza, febbre, nausea, aumento della coagulazione, infezione, dolore, brividi, rash e cefalea.In seguito a somministrazione di Bexxar può manifestarsi ipotiroidismo.Poiché il regime terapeutico con Bexxar contiene una componente murina, la somministrazione del farmaco può indurre la produzione di anticorpi HAMA nei pazienti trattati.Lo sviluppo di un secondo tumore ematico o di tumori solidi è stato osservato in seguito a certe terapie anti-tumorali, compreso il Bexxar.