OncologiaNews.net


News

L’Acido Acetilsalicilico riduce la mortalità da tumore del colon e del retto

In base ai dati di studi clinici randomizzati, l’Aspirina ( Acido Acetilsalicilico, ASA ) riduce il rischio di neoplasia colorettale e inibisce la crescita tumorale e le metastasi in modelli animali.

Ricercatori del Massachusetts General Hospital and Harvard Medical School a Boston negli Stati Uniti, ha esaminato l’associazione tra l’uso di Aspirina dopo diagnosi di tumore colorettale e sopravvivenza tumore-specifica e sopravvivenza generale.

Lo studio prospettico di coorte ha coinvolto 1.279 uomini e donne con diagnosi di tumore colorettale di stadio I, II o III.

I partecipanti, arruolati nel 1980 e 1986, sono stati seguiti fino a giugno 2008.

Le principali misure di esito erano la mortalità tumore-specifica e quella generale.

Dopo un periodo osservazionale mediano di 11,8 anni, si sono verificati 193 decessi totali ( 35% ) e 81 decessi dovuti a carcinoma colorettale ( 15% ) tra i 549 partecipanti che avevano utilizzato regolarmente l’Aspirina dopo la diagnosi di tumore, rispetto a 287 decessi totali ( 39% ) e 141 legati a tumore del colon-retto ( 19% ) tra i 730 che non avevano fatto uso di Aspirina.

Rispetto ai non-utilizzatori, i partecipanti che avevano fatto uso regolare di Aspirina dopo la diagnosi hanno mostrato un hazard ratio ( HR ) multivariato di mortalità specifica per il tumore colorettale di 0.71 e di mortalità generale di 0.79.

Tra i 719 partecipanti che non avevano fatto uso di Aspirina prima della diagnosi, l’utilizzo di Aspirina iniziato dopo la diagnosi è risultato associato a un HR multivariato di mortalità specifica per tumore colorettale di 0.53.

Tra i 459 partecipanti con tumori colorettali disponibili per valutazioni immunoistochimiche, l’effetto dell’Aspirina è risultato significativamente diverso in base ai livelli di espressione della cicloossigenasi 2 ( Cox-2 ) ( P per interazione = 0.04 ).

L’utilizzo regolare di Aspirina dopo la diagnosi è risultato associato a un minor rischio di mortalità specifica per tumore del colon e del retto tra i partecipanti nei quali il tumore primario iperesprimeva Cox-2 ( HR multivariato di 0.39 ), mentre l’uso di Aspirina non è risultato associato a un minor rischio tra quelli con tumore primario con espressione debole o assente di Cox-2 ( HR multivariato di 1.22 ).

In conclusione, l’uso regolare di Aspirina dopo la diagnosi di cancro colorettale è associato a un minor rischio di mortalità specifica per il tumore colorettale e generale, soprattutto tra i soggetti con tumori che iperesprimono Cox-2. ( Xagena )

Chan AT et al, JAMA 2009; 302: 649-658