OncologiaNews.net


News

Tumore alla mammella: assunzione di Aspirina e sopravvivenza


Studi in vivo e in vitro suggeriscono che l'Aspirina può inibire la formazione di metastasi del tumore al seno, attraverso l’inibizione della produzione di prostaglandine ( prodotte in quantità maggiori dalle cellule tumorali mammarie rispetto a quelle normali ), l’inibizione della crescita e la riduzione dell'invasività delle cellule tumorali, la riduzione di citochine coinvolte nelle metastasi ossee e la stimolazione della risposta immunitaria. Gli studi sugli animali hanno mostrato un aumento dell’attività della COX-2 in cellule di carcinoma mammario metastatico.

E' stato svolto uno studio osservazionale prospettico per capire se l'uso di Aspirina in donne con tumore al seno possa diminuire il rischio di morte per questa neoplasia.

Lo studio si è basato sulle risposte di 4.164 infermiere registrate nel Nurses' Health Study, cui era stato diagnosticato un cancro al seno al I, II o III stadio tra il 1976 e il 2002, che sono state seguite fino al decesso o fino a giugno 2006.
Il risultato principale atteso è stato il rischio di morte per tumore della mammella in base al numero di giorni per settimana di assunzione di Aspirina ( giorni 0, 1, da 2 a 5, o da 6 a 7 ) ad almeno 12 mesi dopo la diagnosi.

Si sono verificati 341 decessi per tumore mammario, 400 recidive a distanza ( comprese le 341 morti ) e 732 decessi per altre cause.
L'uso di Aspirina era associato ad una diminuzione del rischio di morte per cancro al seno. Il rischio relativo aggiustato ( RR ) per 1 giorno, da 2 a 5, e da 6 a 7 giorni di uso di Aspirina alla settimana rispetto al non uso è stato rispettivamente di 1.07, 0.29, e 0.36 ( test per trend lineare, p<0.001 ).

Questa associazione non differisce sensibilmente per stadio di gravità, stato menopausale, indice di massa corporea, o stato dei recettori dell'estrogeno. I risultati sono stati simili per la recidiva a distanza. Il rischio relativo aggiustato era di 0.91, 0.40 e 0.57 per 1 giorno, da 2 fino a 5, e da 6 a 7 giorni di uso di Aspirina.

Tra le donne che sono sopravvissute per almeno 1 anno dopo una diagnosi di tumore al seno, l'uso di Aspirina si è dimostrato associato ad una diminuzione del rischio di recidiva a distanza e morte per cancro alla mammella. ( Xagena )

Holmes MD et al, JCO 2010; 28: 1467-1472