OncologiaNews.net


News

Il Letrozolo ha migliorato la sopravvivenza libera da malattia nelle donne in postmenopausa con carcinoma della mammella trattate in precedenza con il Tamoxifene

Lo studio ha valutato l’efficacia di 5 anni di trattamento con il Letrozolo ( Femara ) un inibitore dell’aromatasi, nelle donne in postmenopausa con carcinoma mammario in fase precoce, che avevano terminato un trattamento postoperatorio di 5 anni con il Tamoxifene. Hanno preso parte allo studio 5.187 donne. L’end point primario era rappresentato dalla sopravvivenza libera da malattia. Il periodo di follow-up (osservazione) è stato di 2,4 anni. Ci sono state 207 recidive di tumore alla mammella o nuovi tumori primari alla mammella controlaterale o sviluppo di metastasi a distanza, 75 nel gruppo dei pazienti trattati con Letrozolo e 132 nel gruppo placebo. Le percentuali di sopravvivenza libera da malattia stimata a 4 anni sono state: 93% gruppo Letrozolo ed 87% nel gruppo placebo. Secondo queste stime il Letrozolo avrebbe allungato la sopravvivenza libera da malattia del 6% ( p < / = 0.001 ). Sono morte 73 donne, di cui 42 nel gruppo placebo e 31 nel gruppo Letrozolo ( p=0.25 ). I principali effetti indesiderati sono stati: vampate di calore di basso grado, artrite, artralgia e mialgia. L’incidenza di nuove diagnosi di osteoporosi è stata del 5,8% nel gruppo Letrozolo e 4,5% nel gruppo placebo ( p=0.07 ); l’incidenza di fratture è risultata simile tra i due gruppi. Sulla base dei risultati favorevoli del trattamento con Letrozolo, il Data and Safety Monitoring Committee ha raccomandato l’interruzione dello studio. ( Xagena 2003 ) Fonte: The New England Journal of Medicine , Early Release , October 9, 2003