OncologiaNews.net


News

Trattamento del carcinoma epatocellulare con Pravastatina , Octreotide o Gemcitabina

Ricercatori della Technical University di Monaco in Germania ha valutato l’effetto di 3 farmaci, la Pravastatina, l’Octreotide e la Gemcitabina sulla crescita tumorale nei pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato. La Pravastatina è un inibitore dell’HMG-CoA reduttasi, e trova comune impiego nella riduzione dei livelli di colesterolo. L’Octreotide è un analogo della Somatostatina, mentre la Gemcitabina è un analogo della citidina. Un totale di 58 pazienti sono stati assegnati a ricevere: - Octreotide 3 x 200 mg/die per 2 mesi, seguiti da 20 mg di Octreotide LAR ogni 4 settimane ( n = 30 ); - Pravastatina 40-80mg ( n = 20 ); - Gemcitabina 80-90 mg/m2 nell’arco di 24 ore settimanalmente in cicli di 4 settimane ( n = 8 ). La sopravvivenza totale media dei pazienti trattati con Octreotide è stata di 5 mesi, di 7,2 mesi quelli trattati con Pravastatina e 3,5 mesi quelli con Gemcitabina. La differenza nella sopravvivenza tra i pazienti che hanno ricevuto Pravastatina e quelli trattati con Gemcitabina è risultata significativa. Nessun effetto indesiderato WHO di grado 3 o 4 è stato osservato. Questo studio clinico non ha confermato precedenti esperienze. La Pravastatina, l’Octreotide e la Gemcitabina non prolungano la sopravvivenza dei pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato come previsto. ( Xagena2004 ) Lersch C et al, Hepatogastroenterology 2004; 51: 1099-1103