OncologiaNews.net


News

Attività antiproliferativa della Eribulina in linee cellulari selezionate nei sarcomi dei tessuti molli

I dati di uno studio pre-clinico condotto su Eribulina ( Halaven ) in linee cellulari di sarcomi dei tessuti molli e presentati all’Annual Meeting dell'American Association for Cancer Research ( AACR ), tenutosi a New Orleans, negli Stati Uniti, hanno mostrato attività antiproliferativa nei confronti dei xenoinnesti selezionati di sarcoma di Ewing, leiomiosarcoma, liposarcoma e fibrosarcoma e del rimodellamento della vascolarizzazione del tumore in un modello di leiomiosarcoma. Questo potrebbe ridurre il potenziale metastatico del tumore nei sarcomi dei tessuti molli.

Questi dati sono a sostegno dell'effetto antimitotico e dell'effetto non-mitotico complesso di Eribulina mesilato nei modelli di sarcomi dei tessuti molli.
Eribulina ha mostrato attività antiproliferativa, in vitro e in vivo, e potrebbe indurre la differenziazione delle cellule dei sarcomi dei tessuti molli, riducendo il potenziale metastatico del sarcoma.

Lo studio ha preso in esame le modifiche morfologiche in tre linee cellulari di sarcomi dei tessuti molli, l'espressione genica in due linee cellulari e la perfusione ematica in una linea cellulare.
I dati relativi alla perfusione ematica hanno mostrato che l'Eribulina potrebbe contribuire al rimodellamento della vascolarizzazione tumorale creando così un ambiente ricco di ossigeno. Le cellule tumorali prosperano in un ambiente deossigenato ( ipossico ), pertanto questa perfusione ematica può portare a una diminuzione del potenziale metastatico del tumore.

La sopravvivenza attesa a 5 anni è solamente del 50% per le persone affette da sarcomi dei tessuti molli.
Ogni anno vengono diagnosticati sarcomi dei tessuti molli a 29.000 persone, circa l'1% di tutti i tumori diagnosticati in Europa.

Ad aprile 2016 il Comitato scientifico ( CHMP ) dell'EMA ( European Medicines Agency ) ha adottato un parere positivo nei confronti di Eribulina nel trattamento dei pazienti adulti affetti da liposarcoma ( sarcomi adipocitici ) non-resecabile localmente avanzato, sottoposti in precedenza a trattamento a base di una antraciclina.
A gennaio 2016 l’FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato Eribulina negli Stati Uniti per il trattamento delle persone affette da liposarcoma non-resecabile o metastatico, sottoposti a precedente trattamento con una antraciclina.

Eribulina è il primo inibitore della dinamica dei microtubuli appartenente alla classe delle alicondrine con un nuovo meccanismo di azione.
Strutturalmente l’Eribulina è una versione sintetica semplificata di alicondrina B, un prodotto naturale isolato dalla spugna marina Halichondria okadai.

Si ritiene che l’Eribulina agisca inibendo la fase di crescita della dinamica dei microtubuli, prevenendo la divisione cellulare.

Eribulina è attualmente indicata per il trattamento delle donne con tumore mammario localmente avanzato o metastatico, che hanno mostrato una progressione dopo almeno un regime chemioterapico per malattia avanzata. La terapia precedente deve aver previsto l'impiego di una antraciclina e di un taxano, in un contesto adiuvante o metastatico, a meno che le pazienti siano inidonee a ricevere questi trattamenti.

Il sarcoma dei tessuti molli è un termine collettivo che indica un gruppo di tumori maligni diversi. I sarcomi dei tessuti molli sono tumori che hanno origine nei tipi di cellule mesenchimali ( tessuto connettivo ), ovvero gli adipociti e le cellule della muscolatura liscia.

A differenza di altri tumori, come il carcinoma del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ), i sarcomi dei tessuti molli vengono prevalentemente diagnosticati quando la malattia è localizzata e molti sono assoggettabili alla completa asportazione chirurgica, tuttavia i tassi di recidiva possono raggiungere il 50%.
Gli esiti per i pazienti con malattia avanzata sono infausti e la sopravvivenza mediana è di circa un anno o meno.
In considerazione della rarità di questi tumori, le evidenze relative ai fattori prognostici sono limitate e non sono state chiarite a sufficienza. ( Xagena News )

Fonte: Eisai, 2016