OncologiaNews.net


News

Tumore alla prostata metastatico: confronto tra Bicalutamide ed Enzalutamide

Enzalutamide ( Xtandi ) è un inibitore del recettore degli androgeni orale che ha dimostrato di migliorare la sopravvivenza in due studi di fase 3 controllati con placebo, ed è approvato per i pazienti con tumore alla prostata metastatico resistente alla castrazione.

Scopo dello studio TERRAIN è stato quello di confrontare l'efficacia e la sicurezza di Enzalutamide rispetto a Bicalutamide ( Casodex ) nei pazienti con cancro alla prostata metastatico resistente alla castrazione.

TERRAIN era uno studio in doppio cieco, randomizzato, di fase 2, che ha reclutato uomini asintomatici o minimamente sintomatici con progressione del tumore alla prostata in terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) da Centri di assistenza sanitaria in Europa e nel Nord America.

I pazienti idonei sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Enzalutamide 160 mg al giorno oppure Bicalutamide 50 mg al giorno, entrambi per os, in aggiunta a terapia di deprivazione androgenica, fino a progressione della malattia.

I pazienti sono stati stratificati in base alla orchiectomia bilaterale o alla terapia con agonisti o antagonisti dell’ormone rilasciante l'ormone luteinizzante ( LH-RA ), iniziata prima o dopo la diagnosi di metastasi, e al luogo di studio.

I partecipanti e i ricercatori non conoscevano l’assegnazione di gruppo.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione, analizzata in tutti i pazienti randomizzati. I risultati di sicurezza sono stati analizzati in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.

È in corso la fase in aperto dello studio, in cui i pazienti ancora in trattamento alla fine del periodo di trattamento in doppio cieco hanno ricevuto Enzalutamide in aperto a discrezione del paziente e dei ricercatori.

Tra il 2011 e il 2013, 375 pazienti sono stati assegnati in modo casuale; 184 a Enzalutamide e 191 a Bicalutamide. 126 ( 68% ) e 168 ( 88% ) pazienti, rispettivamente, hanno interrotto il trattamento prima della fine dello studio, principalmente a causa delle progressione della malattia.

Il periodo di follow-up è stato di 20.0 mesi nel gruppo Enzalutamide e 16.7 mesi nel gruppo Bicalutamide.

I pazienti nel gruppo Enzalutamide hanno migliorato significativamente la sopravvivenza libera da progressione mediana ( 15.7 mesi ), rispetto ai pazienti nel gruppo Bicalutamide ( 5.8 mesi; hazard ratio, HR=0.44; P minore di 0.0001 ).

Tra gli eventi avversi più comuni, quelli che si sono verificati più frequentemente con Enzalutamide che con Bicalutamide sono stati affaticamento ( 51 di 183 pazienti, 28%, nel gruppo Enzalutamide vs 38 di 189, 20%, nel gruppo Bicalutamide ), mal di schiena ( 35, 19%, vs 34, 18% ), e vampate di calore ( 27, 15%, vs 21, 11% ); quelli che si sono verificati più frequentemente con Bicalutamide sono stati nausea ( 26, 14%, vs 33, 17% ), costipazione ( 23, 13%, vs 25, 13% ), e artralgia ( 18, 10%, vs 30, 16% ).

Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o superiore nei gruppi di trattamento con Enzalutamide o Bicalutamide, rispettivamente, sono stati ipertensione ( 13, 7%, vs 8, 4% ), idronefrosi ( 3, 2%, vs 7, 4% ), mal di schiena ( 5, 3%, vs 3, 2% ), frattura patologica ( 5, 3%, vs 2, 1% ), dispnea ( 4, 2%, vs 1, 1% ), dolore osseo ( 1, 1%, vs 4, 2% ), insufficienza cardiaca congestizia ( 4, 2%, vs 2, 1% ), infarto miocardico ( 5, 3%, vs nessuno ), e anemia ( 4, 2%, vs nessuno ).

Gli eventi avversi gravi sono stati riportati da 57 ( 31% ) dei 183 pazienti e 44 ( 23% ) dei 189 pazienti nei gruppi Enzalutamide e Bicalutamide, rispettivamente.
Uno dei 9 decessi nel gruppo Enzalutamide è stato probabilmente correlato al trattamento ( dovuto a sindrome da risposta infiammatoria sistemica ) rispetto a nessuno dei 3 decessi nel gruppo Bicalutamide.

I dati dello studio TERRAIN supportano l'uso di Enzalutamide piuttosto che di Bicalutamide nei pazienti asintomatici o lievemente sintomatici con cancro alla prostata metastatico resistente alla castrazione. ( Xagena News )

Fonte : The Lancet, 2016